Perti – Via Simonetta

Rocca di Perti - Via Simonetta

La Via Simonetta alla Rocca di Perti è una grande classica.

Zona: Perti

Sviluppo arrampicata: 150 metri

Apritori: G.L. Vaccari, M.Agnese, G.P. e M. Di Clemente il 18 novembre 1973

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali

Esposizione: sud-ovest

Protezioni: resinati, fix, chiodi tradizionali, clessidre

Difficoltà: V+, V obbl.

Note: arrampicata varia con attrezzatura eterogenea, collega tre diversi salti, di cui il Pilier Josephine è l’ultimo

Equipaggiamento: normale da arrampicata, qualche fettuccia

Accesso: da Finalborgo seguire la strada verso Calice, passare sotto l’autostrada, poco dopo prendere sulla destra una stradina (indicazione “palestra roccia Rocca Perti”), comodo parcheggio a fianco dell’autostrada.

Avvicinamento: risalire a piedi lungo la strada asfaltata che dopo una curva diventa sterrata. Proseguire fino a reperire un sentierino che sale a sinistra verso le pareti (indicazione per “I Tre Porcellini”): giunti ad un bivio in prossimità della parete, tenere la sinistra verso la Via Simonetta (indicazioni). Dal bivio, dopo circa 20 m di trova l’attacco della via, scritta “Simonetta” alla partenza. Ore 0,30.

Relazione

L1: salire una rampa con andamento verso destra, III, sosta su resinati, 20 m

L2: salire traversando verso destra qualche metro fino alle piccole erosioni arancioni, III, ristornare a sinistra, III, quindi salire in un diedro, IV, proseguire su tratto terroso fino a sbucare in un terrazzo con alberi, II, sosta su radice, 20 m

L3: salire verticalmente, III, poi proseguire su tratto facile tra gli arbusti fino ad un terrazzo, sosta su albero, 20 m

L4: superare un muretto verticale, V, ignorare una sosta su fix artigianali e salire ancora su una placca gialla per fessura, IV, traversare a destra, V, sosta su 3 resinati, 25 m

L5: salire un diedro, IV, e poi andare verso destra, III, sosta su 2 resinati

L6: trasferimento su sentiero in salita fino ad uno spigolo con scritta “Simonetta”, 20 m

L7: salire lo spigolo molto levigato, V+, sosta su resinati, 15 m

L8: trasferimento a sinistra nel bosco fino a ritrovare la scritta “Simonetta”, 30 m

L9: salire per diedri abbattuti, fino ad aggirare lo spigolo verso destra, poi fessura, IV, sosta su catena, 20 m

L10: salire il piccolo bombamento, IV+, poi seguire la fessura, IV, sosta su resinati, 20 m

L11: facile trasferimento a destra fino a raggiungere la sommità della struttura, I, sosta su spuntone, 10 m

Discesa: il sentiero scende a destra nel bosco, al primo bivio prendere a destra, al secondo ancora a destra: il sentiero risale per un breve tratto raggiungendo così la cengia alla base del settore dei monotiri della Testa dell’Elefante. Proseguire costeggiando la parete e poco prima di una cava reperire un sentiero che scende sulla destra (scorciatoia): raggiungere quindi la strada sterrata della cava che si segue fino alla macchina. Ore 0,45.

Foto-relazione

LINK ESTERNI:

Conosci già le Alpi Biellesi? Visita il nostro sito gemello www.montagnabiellese.com, troverai le relazioni di arrampicata, alpinismo invernale, trekking, ferrate, scialpinismo e cascate di ghiaccio sulle Montagne Biellesi

– Per le relazioni di arrampicata in Alta Valle d’Aosta e Monte Bianco, Bassa Valle d’Aosta, Canavese e Valle dell’Orco visita il nostro sito gemello www.vielunghevalledaosta.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghefinale.com. Consulta la nostra Privacy Policy.