Grotta dell’Edera – Via Capriccio Diagonale

Prete Dimenticata - Grotta dell'Edera - Via Capriccio Diagonale

La Via Capriccio Diagonale si sviluppa con bellissimi traversi sulla Parete Dimenticata: è una breve arrampicata su ottima roccia abrasiva vergine.

Zona: Monte Sordo, Parete Dimenticata

Sviluppo arrampicata: 80 metri

Apritori: 

Tipo di apertura

Esposizione: est

Protezioni: clessidre,  fix e resinati 

Difficoltà:  5c, 5c obbl

Note: breve ma tecnica ed esposta

Equipaggiamento: normale da arrampicata, qualche fettuccia, qualche friends può esser utile ma non indispensabile

Accesso: da Final Borgo prendere la strada per Calice dopo circa 2 km prendere a destra in direzione di Perti, Castel Govone e la chiesa dei 5 campanili. Seguire la strada stretta fino alla Borgata Case Valle, ove si può trovare parcheggio, con discrezione e rispetto delle proprietà private, pochi posti.

Avvicinamento: si segue un sentiero che passa tra le case, segnavia “tre bolli rossi”, seguire le indicazioni per “Sant’Antonino”, poco prima dell’ultimo bivio a destra per San Antonino prendere un sentiero in discesa a sinistra che costeggia le pareti ed in breve porta all’ingresso della Grotta dell’Edera, continuare ancora costeggiando la parete per circa 50 m fino alla partenza della via, resinato ben visibile e scritta nera in parte cancellata. Ore 0,30.

Relazione

L1: salire una placca inclinata con appigli un po’ patinati, 5b, sotto un  tetto, si va verso destra, 4b, salire un muretto, 5b sosta su resinati, 25 m

L2: andare a destra, prima facile e poi più delicato, 4b, ad una nicchia, si sale dritti, 5c, poi a destra 5b si esce nella grande cengia che si affaccia alla Grotta dell Edera, sosta su albero, 25 m

L3: Si attacca ora la parete che dopo un tratto facile, forma una pancia impegnativa 6a, poi per placca, 5a, si raggiunge la cima del grande arco di pietra sosta, 15 m.

Discesa: dalla sosta di arrivo si va a sinistra ad una sosta di calata posta centro dell’arco di roccia, discesa in doppia nel vuoto di circa 30 m, molto spettacolare, dal fondo della grotta, un buco permette di raggiungere un ripiano roccioso con corde fisse, che si seguono verso sinistra, scivoloso e buio, utile una pila. Un ultimo ripido risalto porta all’uscita della grotta, per la via di avvicinamento in breve al parcheggio. Proseguendo sul sentiero a mezza costa verso ovest, in breve si trova Monte Sordo ed il Pilastro di Mu dov’è possibile concatenare altre vie.

Usciti dalla grotta, in pochi passi verso destra si ritorna all’attacco e di qui al parcheggio. 

Foto-relazione

LINK INTERNI:

– Vedi anche le vie di Monte Sordo e Pilastro di Mu

LINK ESTERNI:

Conosci già le Alpi Biellesi? Visita il nostro sito gemello www.montagnabiellese.com, troverai le relazioni di arrampicata, alpinismo invernale, trekking, ferrate, scialpinismo e cascate di ghiaccio sulle Montagne Biellesi

– Per le relazioni di arrampicata in Alta Valle d’Aosta e Monte Bianco, Bassa Valle d’Aosta, Canavese e Valle dell’Orco visita il nostro sito gemello www.vielunghevalledaosta.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghefinale.com. Consulta la nostra Privacy Policy.