Rocca di Corno – Via del Topo

Rocca Di Corno - Via del Topo

La Via del Topo alla Rocca di Corno è un bellissimo itinerario impegnativo che affronta le concrezioni di Rocca di Corno.

Zona: Finale, Calvisio

Sviluppo arrampicata: 70 metri

Apritori: Mario Piotti, Lorenzo Pomodoro, Eugenio e Gianluigi Vaccari, nel febbraio del 1972

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali.

Esposizione: sud est

Protezioni: resinati, chiodi tradizionali 

Difficoltà: 6c+, VI+ obbl. 

Note: luogo caldo e soleggiato, ideale nelle fredde giornate invernali. In seguito alla richiodatura il secondo tiro punta dritto in verticale sullo strapiombo, mentre originariamente passava a sinistra della grotta.

Equipaggiamento: normale da arrampicata, qualche fettuccia, qualche kevlar, friends utili fino al verde BD

Accesso: dal casello di Finale scendere all’Aurelia, seguire in direzione Savona. A Final Pia prendere un bivio a sinistra per Calvisio, Vezzi, Portio, seguire la strada lungo il Rio Sciusa, fino ad un ponte verso destra con indicazioni per Verzi e Strada Julia Augusta. Salire alcuni tornanti, al bivio proseguire a sinistra su strada che diviene sterrata, parcheggiare in uno slargo poco prima del Ponte Romano, presenti alcuni bidoni della raccolta differenziata.

Avvicinamento: guadare il torrente secco, e seguire il sentiero segnato con un rombo che porta alla base della parete. Giunti in prossimità della parete salire un gradone con corda fissa verso destra e raggiungere un terrazzo di roccia da cui parte la via, sulla direttiva di una fessura diagonale verso sinistra. Ore 0,20.

Relazione

L1: superare un breve muretto, V, quindi seguire la fessura che porta verso sinistra, VI+, uscire sulla placca verticale, V+, sosta su catena in placca, oppure sosta a sinistra su cengia nella grotta (più comoda), 25 m

L2: uscire dalla grotta a destra e superare un tratto strapiombante, VI+, raggiungere la sosta su cengia su due resinati da collegare, 15 metri

L3: superare un gradone strapiombante, V, salire ad un resinato, V+, quindi spostarsi a sinistra, V, superare un tratto strapiombante, A0 o 6c+, da cui si esce verso destra, V+, sosta su catena, 25 metri

L4: salire un diedro verticale, V+, uscire su terrazzino ignorando la sosta e proseguire su muretto a destra (presente un cordone su clessidra), V, uscire sulla sommità, sosta su albero, 25 m

Discesa: inoltrarsi nel bosco e raggiungere la sommità, proseguire su bel sentiero verso nord fino ad un bivio, prendere a sinistra e scendere un tratto ripido, in breve si raggiunge un sentiero che va a sinistra e riporta alla base della parete. Ore 0,20.

Foto-relazione

LINK ESTERNI:

Conosci già le Alpi Biellesi? Visita il nostro sito gemello www.montagnabiellese.com, troverai le relazioni di arrampicata, alpinismo invernale, trekking, ferrate, scialpinismo e cascate di ghiaccio sulle Montagne Biellesi

– Per le relazioni di arrampicata in Alta Valle d’Aosta e Monte Bianco, Bassa Valle d’Aosta, Canavese e Valle dell’Orco visita il nostro sito gemello www.vielunghevalledaosta.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghefinale.com. Consulta la nostra Privacy Policy.