Monte Cucco – Via del Tetto

Monte Cucco - Via del Tetto

La Via del Tetto a Monte Cucco è una piacevole arrampicata storica, l’occasione per scoprire il chiodino a pressione piazzato da Mario Piotti.

La spettacolare uscita di sinistra della Via del Tetto

Zona: Orco, Feglino

Sviluppo arrampicata: 110 metri

Apritori: G. Calcagno, M.Piotti, il 10 ottobre 1968. Il passaggio chiave di L2 è stato liberato da Roberto Bonelli

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali

Esposizione: ovest

Protezioni: fix, clessidre, chiodi tradizionali

Difficoltà: VII, V+ A0 obbl.

Note: una delle prime vie di Monte Cucco, molto estetica, si presta all’uso di friends

Equipaggiamento: normale da arrampicata, utili friends fino al n°2 B.D. per integrare

Accesso: da Feglino scendere verso Final Borgo, al bivio prendere a sinistra per Orco, giunti alla Pizzeria il Rifugio prendere in salita a destra fino al campeggio di Monte Cucco, poco più avanti parcheggio per poche auto.

Avvicinamento: dal piazzale salire per tracce fino alla base della parete, che si raggiunge nei pressi della Via Gufo + Corpus Domini, quindi andare a sinistra, oltrepassare la fessura della Via Pulce, dopo circa 40 m si raggiunge l’attacco della Via del Tetto, che parte in una placca chiusa a destra e a sinistra da 2 fessure che convergono verso una protezione con fettuccia penzolante. Ore 0,10.

Sulla fessura di L1
Sulla placca nera, il passaggio chiave

ATTENZIONE

Enorme blocco instabile in corrispondenza dell’ultima sosta dell’uscita di sinistra. Se si usa la sosta su resinati sulla sommità della parete inevitabilmente si sta in piedi su tale blocco che muove. Prestare massima attenzione.

Relazione

L1: salire la placca al centro, presente una clessidra subito in partenza, salire ancora sfruttando i bei buchi sulla placca, V, quindi proteggersi poco più in alto una seconda clessidra difficile da vedere. Raggiungere un vecchio chiodo quindi un fix recente ed un vecchio spit arrugginito, V. Moschettonato lo spit arrugginito spostarsi un paio di passi a destra ed affrontare la bella fessura atletica ben protetta da un vecchio chiodo ad anello con fettuccia, V+, salire ancora lungo il diedro verso un evidente chiodo, quindi raggiungere la sosta, V, sosta su resinati con catena, sosta utilizzata anche dalla Via Dottor Faust, 30 m

L2: salire leggermente a sinistra, V+, affrontare la placca nera che si supera con qualche passo tecnico verso sinistra, VII oppure A0, presenti resinati e vecchio chiodo a pressione. Salire ancora con andamento verso sinistra ignorando una vecchia sosta su catena e gancio da gru, poi ad un alberello traversare in orizzontale a sinistra raggiungendo una sosta con 2 resinati da collegare, 15 m

L3: salire a destra raggiungendo la fessura, V poi V+, seguire la fessura fino al suo termine, quindi raggiungere il terrazzino di sosta in corrispondenza di un albero, sosta su fix e chiodo ad anello, 25 m

Da qui si hanno 2 possibilità:

L4A (uscita a destra del tetto): seguire la fessura con andamento verso destra, IV+, poi giunti ad un chiodo con anello schiacciato prima di un muretto spostarsi a destra ad un successivo chiodo e raggiungere la base di uno spigolo, V, che si aggira in strapiombo verso destra, V+, sosta su 2 fix e clessidra in basso da collegare, 25 m

L5A: salire la facile placca, III, che in breve porta alla cima, sosta su chiodo cementato con anello, 15 m

L4B (uscita a sinistra del tetto): seguire la fessura con andamento verso destra, IV+, poi salire il muretto verticale ben appigliato puntando ad un vecchio chiodo, quindi raggiungere la sosta in comune con Grillomania, sosta su 3 fix e 1 chiodo, 20 m

L5B: obliquare verso sinistra sotto all’imponente tetto, V, poi salire spostandosi a sinistra per aggirare il tetto, VII, presenti buone maniglie non visibili dietro lo spigolo, successivamente salire atleticamente con buoni appigli lungo la fessura fino ad uscire sulla cima, 25 m. Attenzione: enorme blocco che si muove sopra il quale si trova la sosta con 2 resinati. Se si sosta in questo punto si sta per forza in piedi sul blocco instabile, abbiamo preferito sostare in cima utilizzato un vecchio cavo di ferro arrugginito passato in una clessidra.

Discesa: dalla Cima del Monte Cucco reperire tracce nel bosco verso destra, tenendo, d’occhio il margine della parete. Dopo circa 200 metri ci si trova sopra al Canyon, si scende al suo interno grazie ad una corda fissa, lo si percorre verso ovest, poi si scende per roccette con spezzoni di corda, fino a raggiungere una corda fissa: si può scendere lungo di essa oppure fare una breve calata, 20 m. Scendere per sentiero (ancora breve tratto con corda fissa), si raggiunge la base della parete poi per traccia nel bosco si rientra al parcheggio. Ore 0,20. In alternativa scendere verso nord tra la fitta vegetazione  fino alla forcella di uscita del Diedro Canale, da cui ci si cala con 2  calate in doppia attrezzate da 30 metri, ore 0,20.

Il sindaco di Finale Ugo Frascherelli, in uscita dalla Via del Tetto. Foto di Alessandro Grillo.

Foto-relazione

LINK ESTERNI:

Conosci già le Alpi Biellesi? Visita il nostro sito gemello www.montagnabiellese.com, troverai le relazioni di arrampicata, alpinismo invernale, trekking, ferrate, scialpinismo e cascate di ghiaccio sulle Montagne Biellesi

– Per le relazioni di arrampicata in Alta Valle d’Aosta e Monte Bianco, Bassa Valle d’Aosta, Canavese e Valle dell’Orco visita il nostro sito gemello www.vielunghevalledaosta.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghefinale.com. Consulta la nostra Privacy Policy.