Monte Cucco – Via Jonny + Grillomania

Monte Cucco – Via Jonny + Grillomania

La Via Jonny a Monte Cucco ricerca il suo spazio nella poca roccia lasciata libera da vecchie vie ormai inutilizzate. Concatenata con Grillomania offre un itinerario davvero interessante.

La Via Jonny detiene il primato di esser la sola via lunga di Monte Cucco ad esser marchiata con il triangolo di pericolo e la dicitura “chiodatura inadeguata” nell’ultima guida di Andrea Gallo. Sulla stessa guida anche la gradazione non è corretta, forse il triangolo di pericolo andrebbe messo per certi libri…

Zona: Orco Feglino

Sviluppo arrampicata: 135 metri

Apritori: Grillomania: Alessandro Grillo anni 80. Via Jonny: Gianni Lanza, Simona Falla il 18.08.2017

Tipo di apertura: dal basso

Esposizione: ovest

Protezioni: fix, chiodi tradizionali, clessidre

Difficoltà: 6a, 5c obbl.

Note: bellissima combinazione, omogenea nel grado

Equipaggiamento: normale da arrampicata

Accesso: da Feglino scendere verso Final Borgo, al bivio prendere a sinistra per Orco, giunti alla Pizzeria il Rifugio prendere in salita a destra fino al campeggio di Monte Cucco, poco più avanti piazzale sterrato con parcheggio per poche auto

Avvicinamento: dal piazzale seguire il percorso vita verso sinistra, giunti alla base della parete salire un canale, passi di 1° e giungere al grande terrazzo nel settore della Torre. La via è l’ultima a destra e sale l’evidente spigolo. Ore 0,15.

Relazione

L1: partire direttamente sotto al fix, 6a, oppure un pò a sinistra, 5c, poi 4b sosta a destra sullo spigolo con 2 fix e 2 clessidre, 30 metri

L2: un po’ a destra poi placca 6a, poi più facile 4a, poco sotto il terrazzo andare a destra, 5a, sosta su fix e albero alla partenza di Grillomania, 30 metri

L3 (Via Grillomania): traverso di grande eleganza, 6a, clessidre, vecchi chiodi, e 4 fix, sosta su 3 fix sotto al tetto della Via del Tetto, 30 metri

L4: traversare ancora verso destra uscendo sulle placche sommitali, 5c, sosta su 2 fix, 20 metri

L5: per placca, 4a, alla cima, sosta su chiodo ad anello, 15 metri

Discesa: dalla Cima del Monte Cucco reperire tracce nel bosco verso destra, tenendo, d’occhio il margine della parete. Dopo circa 200 metri ci si trova sopra al Canyon, si scende al suo interno grazie ad una corda fissa, lo si percorre verso ovest, poi si scende per roccette con spezzoni di corda, fino a raggiungere una corda fissa: si può scendere lungo di essa oppure fare una breve calata, 20 m. Scendere per sentiero (ancora breve tratto con corda fissa), si raggiunge la base della parete poi per traccia nel bosco si rientra al parcheggio. Ore 0,20. In alternativa scendere verso nord tra la fitta vegetazione  fino alla forcella di uscita del Diedro Canale, da cui ci si cala con 2  calate in doppia attrezzate da 30 metri, ore 0,20.

Foto-relazione

LINK ESTERNI:

Conosci già le Alpi Biellesi? Visita il nostro sito gemello www.montagnabiellese.com, troverai le relazioni di arrampicata, alpinismo invernale, trekking, ferrate, scialpinismo e cascate di ghiaccio sulle Montagne Biellesi

– Per le relazioni di arrampicata in Alta Valle d’Aosta e Monte Bianco, Bassa Valle d’Aosta, Canavese e Valle dell’Orco visita il nostro sito gemello www.vielunghevalledaosta.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghefinale.com. Consulta la nostra Privacy Policy.