Monte Procinto – Via Dolfi Melucci

Monte Procinto - Via Dolfi Melucci

La Via Dolfi Melucci sulla Parete Nord del Procinto sembra fatta apposta per il piacere dell’arrampicata.

Storicamente fu il primo VI grado delle Alpi Apuane, un’itinerario da non perdere. La chiodatura odierna è buona a fix e rende piacevole percorrere questa bella parete.

Zona: Alpi Apuane, Monte Procinto

Sviluppo arrampicata: 120 metri

Apritori: Dolfi, Melucci

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali e clessidre

Esposizione: nord

Protezioni: via attrezzata a resinati e fix, qualche chiodo vecchio

Difficoltà: VI, V+ obbl.

Note: la via è molto bella, in questa relazione si descrive la partenza lungo il primo tiro della Via Effetti Collaterali

Equipaggiamento: normale da arrampicata, friend non necessari 

Accesso: da Forte dei Marmi, proseguire per Stazzema, ad un tornante poco prima del paese andare a destra, quando la strada diventa acciotolata proseguire ancora circa 1 Km fino alla partenza del sentiero per il Rifugio Alpe della Grotta

Avvicinamento: seguire il sentiero 5A, che parte con un breve cavo d’acciaio, sale nel bosco di castagni e raggiunge in circa 45 minuti il Rifugio Forte dei Marmi all’ Alpe della Grotta poco prima del Rifugio un sentiero sale a sinistra, dopo alcuni cavi di sicurezza piega a sinistra passando alla base della parete del Monte Nona e raggiunge il ponticello che adduce al sentiero della Cintura del Procinto, seguire il sentiero verso destra, oltrepassare una piccola fonte, aggirare uno spigolo fino ad un masso con scritte gialle, ore 1.15 dall’auto

Relazione

L1: salire seguendo i resinati del primo tiro di Effetti Collaterali,VI- oltrepassare una sosta su 2 resinati da collegare, e proseguire un po’ verso destra, V, sosta su 2 fix, 1 chiodo ad anello ed una grande clessidra, 35 m

L2: salire verticalmente sopra la sosta, V, spostarsi a destra, V+, superare uno strapiombo fisico, VI (il primo sesto grado delle Apuane), fino ad un bel terrazzo, sosta su fix con catena e vecchio chiodo, 25 m

L3: salire direttamente, V, poi spostarsi un po’ a sinistra e tornare nuovamente a destra, V+, (Attenzione a seguire i fix che stanno verso destra e non prendere i resinati a sinistra della Via Effetti Collaterali, che sono molto vicini ed invitanti) proseguire con tratto esposto leggermente a destra, V+, un ultima placchetta, V, porta alla sosta su 2 fix con catena 35 m

L4: salire leggermente verso destra, una facile rampa, II, che porta ad un diedro camino con passo faticoso in partenza, V+, giunti ad un resinato, tenersi a sinistra per belle fessure, IV fino a raggiungere la sosta su albero con corda fissa 30 m

Discesa: seguire una traccia che sale nel boschetto sommitale ed in breve porta alla cima. Scendere lungo la via normale inizialmente su sentiero ben tracciato, poi lungo i cavi della Via Ferrata, ore 0,30

LINK ESTERNI:

Conosci già le Alpi Biellesi? Visita il nostro sito gemello www.montagnabiellese.com, troverai le relazioni di arrampicata, alpinismo invernale, trekking, ferrate, scialpinismo e cascate di ghiaccio sulle Montagne Biellesi

– Per le relazioni di arrampicata in Alta Valle d’Aosta e Monte Bianco, Bassa Valle d’Aosta, Canavese e Valle dell’Orco visita il nostro sito gemello www.vielunghevalledaosta.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghefinale.com. Consulta la nostra Privacy Policy.