Monte Cucco – Il Gufo

Monte Cucco - Via Gufo + Corpus Domini

La Via del Gufo abbinata alla Via Corpus Domini a Monte Cucco è una via ideale per approcciarsi all’arrampicata sulle pareti di Monte Cucco.

Zona: Orco, Feglino
Sviluppo arrampicata: 100 metri
Apritori: Corpus Domini da G. Calcagno e A. Grillo il 05.06.1969. Il Gufo da G. Calcagno, A. Casula, A. Grillo il 17.10.1971
Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali
Esposizione: ovest
Protezioni: ben protetta con fix, resinati, chiodi tradizionali, si presta ad uso di friends e clessidre
Difficoltà: V+, V obbl.
Note: bella combinazione che permette di evitare il difficile tiro di partenza della Corpus Domini, mantenendo così la difficoltà omogenea
Equipaggiamento: normale da arrampicata
Accesso: da Feglino scendere verso Final Borgo, al bivio prendere a sinistra per Orco, giunti alla Pizzeria il Rifugio prendere in salita a destra fino al campeggio di Monte Cucco, poco più avanti parcheggio per poche auto.

Avvicinamento: dal parcheggio seguire il sentiero che in breve porta al settore centrale di Monte Cucco, ore 0,15.

Relazione

L1: bel diedro da cui si esce verso destra, IV+, resinati, sosta su resinato più fix da collegare, 20 metri. (In molte relazioni si accorpa il primo ed il secondo tiro)
L2: placca verso destra, V, poi bombamento, V+, saltare un sosta di calata, poi muro facile con vegetazione, III, sosta su anello cementato più fix, 20 m
L3: tiro molto divertente da proteggere con clessidre, partenza IV, poi III, sosta un po’ a destra, 2 fix e 1 chiodo da collegare, 20 metri
L4: diedro molto bello, V, sosta con 2 fix da collegare, attenzione dopo vecchio chiodo ad anello c’è un blocco instabile da non toccare, 20 metri
L5: diedro, IV, una clessidra all’inizio ed una a metà difficile da usare (kevlar piccolo) sosta in cima su anello cementato, 10 metri.

Discesa: dalla Cima del Cucco reperire tracce nel bosco, tenendo, d’occhio il margine della parete, dopo circa 200 metri ci si trova sopra al Canyon. Si scende al suo interno grazie ad una corda fissa, lo si percorre verso ovest, poi si scende per roccette (a volte è presente spezzone di corda), fino ad una corda fissa dove conviene fare una breve calata, 20 m. Per sentiero nel bosco in breve al parcheggio, ore 0,30.

Oppure scendere verso nord tra la fitta vegetazione tenendo sempre d’occhio la cresta fino alla forcella di uscita del diedro canale, da cui ci si cala con 2 calate in doppia attrezzate da 30 metri, ore 0,20.

Foto-relazione

LINK ESTERNI:

Conosci già le Alpi Biellesi? Visita il nostro sito gemello www.montagnabiellese.com, troverai le relazioni di arrampicata, alpinismo invernale, trekking, ferrate, scialpinismo e cascate di ghiaccio sulle Montagne Biellesi

– Per le relazioni di arrampicata in Alta Valle d’Aosta e Monte Bianco, Bassa Valle d’Aosta, Canavese e Valle dell’Orco visita il nostro sito gemello www.vielunghevalledaosta.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghefinale.com. Consulta la nostra Privacy Policy.